Aria nella pancia. Cosa frequente in gravidanza e allattamento

I consigli e i rimedi naturali per eliminare il fastidioso disturbo dell’aria nella pancia.

Last updated on Agosto 29th, 2021 at 05:25 pm

Aria nella pancia in gravidanza
Foto di Pablo Merchán Montes from Unsplash

Le cause e i rimedi di un disturbo davvero fastidioso.

Aggiornamento: 19 maggio 2021

 

A chi non è capitato di soffrire per via di quella insistente aria nella pancia in gravidanza. Ricordo benissimo che durante i primi tre mesi (ma purtroppo anche oltre), a volte mi capitava di sentirmi davvero in imbarazzo.

Non riuscivo a capire proprio da cosa dipendesse. Così ho deciso di parlarne con il mio medico.

La mia ginecologa mi ha subito liquidata con un semplice: “E’ normale. Cerca di avere pazienza. Bevi tanta acqua, cammina molto e evita i cibi che fermentano come frutta e verdura di un certo tipo“.

Dinanzi a quelle parole il mondo mi è crollato addosso. Io ero continuamente a dieta a causa dell’enorme peso che stavo accumulando, per cui nella mia dieta erano presenti più che altro cibi come frutta (poca a dire il vero) e verdura (molta).

Ecco allora che ho deciso di approfondire il tema e di non fermarmi ai luoghi comuni.

Ci doveva pur essere qualcosa che potevo fare per evitare questa continua e insistente formazione di aria nella mia pancia. Ma a cosa era dovuta?

Le cause dell’aerofagia e del meteorismo in gravidanza

Durante la gestazione, molte funzioni organiche vengono alterate e uno dei sistemi maggiormente sollecitati è proprio quello gastro-intestinale. Ecco perchè alcune donne soffrono di nausea, altre di vomito e altre ancora di meteorismo, di stitichezza o di bruciore di stomaco.

Come mi ha spiegato poi la mia ginecologa (dopo aver un po’ insistito), il balletto di alcuni ormoni come il progesterone e gli estrogeni, influenzano il tratto gastro intestinale. Spieghiamoci meglio. Il progesterone trattiene i liquidi e questo rallenta le funzioni intestinali. L’alto livello di estrogeni invece fa dilatare l’utero e comporta spesso la formazione di gas.

A questa formazione continua di aria si associa spesso un forte mal di pancia. E’ normale, tutto vero ma è bene fare qualcosa, a mio avviso.

Perché se è vero che alcuni fattori possono essere normali, è anche vero che si può sempre intervenire per migliorare la situazione.

Chiedersi quali sono le mosse giuste per evitare la formazione di aria o cosa fare per riuscire a eliminare l’aria, è importante.

Ma andiamo per gradi.

Una condizione fisiologica

Con la peristalsi diventata meno efficace, il gonfiore rappresenta una condizione normalissima in gravidanza. La situazione tende poi a peggiorare durante il terzo trimestre, cioè quando il bambino che si trova nel grembo materno diventa più grande. Con la sua stazza infatti, il feto schiaccia molti organi, compreso l’intestino e questo disturbo, purtroppo, molto spesso non termina con il parto ma si protrae anche durante il puerperio, proprio perché gli organi ci mettono un po’ di tempo a riassettarsi nella maniera corretta.

Inoltre, dopo il parto e per tutto il puerperio, le donne possono anche soffrire di una sorta di debolezza muscolare che riguarda tutta la zona pelvica.

Se il gonfiore addominale è una condizione fisiologica durante la gravidanza però non lo è durante l’allattamento .Non ci sono infatti evidenze scientifiche che attestino una simile problematica.

Questo vuol dire che l’allattamento non condiziona la digestione né espone la mamma al rischio di avere maggiore quantità di aria nella pancia.

Stai prendendo medicinali?

Alcuni medicinali come gli anti acidi possono provocare formazione di aria intestinale. In questo caso si parla di Sibo (small intestinal bacterial overgrowth), cioè di crescita eccessiva di batteri nell’intestino tenue.

Come eliminare l’aria nella pancia in gravidanza

Più che cercare di eliminare l’aria nella pancia (più avanti spiegheremo anche come fare), bisognerebbe cercare di eliminare le cause che determinano la formazione di aria.

Nella maggior parte dei casi –  spiega la nutrizionista –  la formazione di gas intestinale, a prescindere dalla condizione fisiologica della persona (quindi anche quando non si è in stato di gravidanza), può essere dovuta a delle abitudini scorrette. Ad esempio, che per lavoro sta molte ore seduto ed è spesso sotto stress, è più a rischio e più soggetto a questo tipo di disturbo. Vita sedentaria e stress, infatti, contribuiscono a rallentare la motilità intestinale. Questo perché il cibo ingerito fa più fatica ad arrivare dalla bocca al retto e ristagna nell’intestino per più tempo, generando il gonfiore. Questo comporta anche un’alterazione della flora batterica intestinale”.

Ecco perché il consiglio è quello di fare delle piccole passeggiate o anche qualsiasi attività fisica che porti la neo mamma ad alzarsi più spesso e a muoversi. Anche danzare o fare yoga può essere d’aiuto, soprattutto per combattere lo stress.

In questo caso può essere utile anche sottoporsi a delle sedute di massaggio. L’importante è che si tratti di un massaggio adatto alla gravidanza

Tenere un diario alimentare e scrivere tutto quello che si mangia potrebbe essere utile a identificare i cibi che causano la flatulenza. L’intolleranza ad alcuni cibi potrebbe infatti provocare il gonfiore che passa semplicemente eliminando il cibo incriminato.

I casi più comuni di cibi che provocano meteorismo sono il lattosio, gli zuccheri, il glutine e i lieviti ma anche i cibi industriali come merendine confezionate o cibi precotti e inscatolati ricchi di conservanti. Ecco perchè il consiglio è sempre quello di eliminare gli alimenti ricchi di conservanti e prediligere i freschi. 

Una regola che vale sempre ma a maggior ragione in gravidanza”. Il Ministero della salute ha infatti emanato una sorta di decalogo dell’alimentazione da seguire in gravidanza,  per garantire la salute della mamma e del bambino.

I consigli per eliminare l’aria nella pancia

aria nella pancia in gravidanza
Foto di Dean Tyler

 

Ecco allora una serie di consigli utili a cercare di limitare o eliminare l’aria che si forma nell’intestino.

  • Il primo consiglio pratico per le mamme in gravidanza che soffrono di meteorismo è quindi  quello di bere molta acqua che però non deve essere gassata. Questo servirà a diluire i materiali alimentari. Abbiamo già parlato dell’importanza di muoversi e di fare, oltre che piccole passeggiate, anche delle sessioni di yoga o di ballo o di qualsiasi cosa ci faccia accoppiare il movimento al relax.
  • Il secondo consiglio, importantissimo è: evitare di masticare chewing gum o mangiare caramelle che contengono zuccheri non assorbibili e che potrebbero nutrire i batteri intestinali responsabili della formazione del gas.
  • Anche evitare di masticare a bocca aperta può aiutare. Quando si parla troppo durante i pasti o si ha la tendenza ad aprire la bocca, l’aria potrebbe entrare nel cavo orale e finire nell’intestino, provocando gonfiore, eruttazione e fastidio.
  • Limitare l’uso di caffè, alcool e bevande zuccherate che fermentano nello stomaco può sicuramente aiutare. Si tratta di bevande sconsigliate durante la gravidanza e l’allattamento, anche per altri motivi che non riguardano il gonfiore.
  • Se è vero che bisogna mangiare tanta frutta e verdura per evitare la stipsi, è anche vero che non bisogna esagerare. Immettere nell’intestino una quantità di fibre, specie alcune come cavolo, cipolla, carciofo o anche legumi, potrebbe peggiorare il gonfiore.

Rimedi naturali che possono aiutare a ridurre l’aria nella pancia

Se dopo aver attuato le strategie di cui abbiamo parlato, il disturbo del gonfiore addominale continua a disturbarci sarebbe opportuno rivolgersi al medico, anche nel caso in cui ci si voglia curare con la medicina dolce o con i rimedi naturali.

E’ vero che quando si parla di gravidanza e allattamento, i farmaci sono quasi sempre compatibili ma è pur vero che prima di assumere qualsiasi tipo di medicinale è bene informarsi presso il proprio medico. Alcuni prodotti che potrebbero sembrare innocui, proprio perché naturali, potrebbero essere incompatibili con la condizione in cui ci troviamo (gravidanza). I farmaci tensioattivi a base di simeticone possono aiutare molto ma anche il carbone vegetale. 

Esistono diverse erbe o rimedi naturali che possono alleviare il fastidioso problema del gas intestinale. Tra questi sicuramente il finocchio che svolge un’azione stimolante sulla motilità sia dello stomaco che dell’intestino e inibisce anche la fermentazione nel tratto intestinale. Le tisane al finocchio si possono trovare facilmente in commercio, sia al supermercato che in erboristeria.

Anche la menta ha proprietà antifermentative e favorisce la digestione, così come la i mirtilli e la malva che ha proprietà emollienti e antinfiammatorie. Lo zenzero è un prezioso alleato, sia come antiacido che come digestivo.

Secondo gli esperti anche il peperoncino è da annoverare tra i rimedi naturali contro il gonfiore addominale. Il pepe di Cayenna, in modo particolare è adatto nella prevenzione del gonfiore addominale perché favorisce la digestione, accelera il metabolismo e l’eliminazione di gas e tossine.

Altri alimenti consigliati

Lo Yogurt è sicuramente un prodotto da preferire quando si soffre di gonfiore addominale perché non solo sostiene ma alimenta positivamente la flora batterica intestinale, specie se associati ad alcuni frutti come mirtilli  pompelmo, kiwi, ananas e papaya.

Anche alcune tisane come la classica al finocchio ma anche all’anice, alla liquirizia, alla menta e alla camomilla possono prevenire e alleviare il gonfiore addominale.

Se stai allattando il tuo bambino

Se hai superato il periodo della gravidanza, probabilmente starai allattando il tuo bambino. Anche in questo caso potresti soffrire di aria nella pancia o meteorismo ma sono felice di farti sapere che l’allattamento non provoca flatulenza o altri disturbi intestinali, né nella mamma, né tantomeno nel bambino.

Detto questo posso quindi suggerirti di osservare le indicazioni di cui abbiamo detto sopra e di non preoccuparti assolutamente se stai allattando, perché non ci sono cibi sconsigliati in gravidanza. La mamma che allatta può e deve mangiare tutto.

Spero questo articolo ti sia stato utile. Se ti è piaciuto,  condividilo con le tue amiche e metti un like alla mia pagina Facebook. 

Il mio blog per la tipologia degli argomenti trattati e anche per mia etica, non si regge sulle pubblicità delle multinazionali che ruotano attorno al mondo delle mamme e dei bambini. Con il tuo like potrai contribuire a far girare le mie inchieste e le mie idee.

di Annarita Carbone