Settimana Mondiale dell’Allattamento Materno 2016. Roma diserta il flash mob.

Settimana Mondiale dell'allattamento materno

Non ci sarà quest’anno il flash mob sull’allattamento che negli anni scorsi ha riunito centinaia di mamme e bambini sulla scalinata di Piazza di Spagna, al centro di Roma. Avevo raccontato del flash mob di Roma  “allattamento e lavoro” sulla rivista Vanity fair.

Presenti all’appello invece, le altre città d’Italia che anche negli anni precedenti si erano distinte per originalità e partecipazione.

Dal 1 al 7 ottobre, dalla Lombardia alla Sicilia, il grido che unirà le mamme sarà quest’anno: allattamento e sviluppo sostenibile. Se vuoi scaricare il calendario con gli eventi SAM 2016 clicca qui.

Cos’è lo sviluppo sostenibile e come si collega all’allattamento? Sviluppo sostenibile vuol dire vivere senza danneggiare il nostro pianeta e le generazioni future. Secondo gli esperti attraverso il sostegno e la promozione dell’allattamento è possibile realizzare uno sviluppo sostenibile. E’ per questo che la SAM di quest’anno pone l’attenzione sui 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) che i governi di tutto il mondo hanno concordato di raggiungere entro il 2030. Gli OSS si basano sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) e coprono una serie di questioni riguardanti ecologia, economia ed equità. I nuovi OSS aspirano ad affrontare le cause profonde della povertà e ad offrire una visione di sviluppo che funzioni per tutte le persone, in tutto il mondo.

Obiettivi della SAM 2016. Sono 4 gli obiettivi della Settimana Mondiale dell’allattamento di quest’anno. Innanzitutto informare le mamme e le persone in genere sul fatto che l’allattamento e l’alimentazione dei neonati e dei bambini (ANB) possono portare al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Secondo, radicare bene l’allattamento come componente chiave dello sviluppo sostenibile. Terzo, stimolare diverse azioni, a tutti i livelli, riguardo l’allattamento e l’alimentazione dei neonati e dei bambini nella nuova epoca degli OSS. Infine coinvolgere e fare rete con una gamma sempre più ampia di soggetti per proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento.

Dati allarmanti: Nonostante i benefici dell’allattamento siano ormai confermati sia per il bambino che per la mamma, i dati emanati sono ancora allarmanti. I tassi di allattamento globali sono rimasti fermi negli ultimi due decenni. “Oggi – fanno sapere dal MAMI (Movimento per l’Allattamento Materno italiano) meno del  40% dei bambini sotto i sei mesi di età sono allattati in modo esclusivo. Nella realtà, le donne devono affrontare numerosi ostacoli per allattare: informazioni inesatte dagli operatori sanitari, mancanza di sostegno all’allattamento dal partner o da altre persone all’interno della famiglia, inaccessibilità a un counselling qualificato sull’allattamento, marketing aggressivo dei sostituti del latte materno o essere costrette a tornare a lavorare presto dopo il parto. Queste barriere rendono estremamente difficile per le donne riuscire ad allattare esclusivamente per sei mesi (senza liquidi o alimenti supplementari) e continuare ad allattare per due anni o più, come raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sappiamo cosa deve essere fatto per sostenere e consentire alle mamme di allattare in modo ottimale, ma abbiamo bisogno di essere più proattivi e coinvolgere più persone a rendere questo una realtà. Collegare l’allattamento con gli OSS ci aiuta a fare questo. Nuove evidenze scientifiche presentate sulla rivista medica britannica The Lancet confermano che tassi ottimali di allattamento potrebbero salvare le vite di 823.000 bambini e aggiungere 302 miliardi di dollari all’economia globale ogni anno . L’allattamento pone le basi per una buona salute per tutti i bambini, sia a breve che a lungo termine, e fa bene anche alle madri”.

L’iniziativa de La Leche League International: Un evento speciale in occasione della SAM 2016 è organizzato da La Leche League International. Per chi non la conoscesse, La Leche League (Lega per l’allattamento materno) si occupa da 60 anni di sostenere e aiutare le mamme che allattano. Attraverso il sistema degli incontri mensili e dello scambio di informazioni “Da mamma a mamma”, La Leche League  ha formato una rete di oltre 7mila consulenti in allattamento volontarie che mettono a disposizione il loro tempo per sostenere le mamme. Il tutto in maniera assolutamente gratuita. In Italia esiste La Leche League Italia che fa parte della CIANB (Coalizione Italiana per l’Alimentazione dei Neonati  e dei Bambini) e del TAS del Ministero della salute (Tavolo tecnico interdisciplinare per l’allattamento al seno) e che da oltre 30 anni sostiene e aiuta le mamme italiane con più di 100 consulenti. Nel 2015  più di 30mila madri si sono messe in contatto diretto con La Leche League telefonando oppure frequentando gli incontri mensili. Oltre 2 milioni i contatti sul sito internet.  L’arte dell’allattamento materno (uno dei libri editi da La Leche League) ha venduto milioni di copie ed è stato tradotto in svariate lingue facendo il giro del mondo.

Tornando all’evento, proprio in occasione dei 60 anni di età, La Leche League ha organizzato il primo incontro virtuale globale in cui le di mamme di tutto il mondo potranno incontrarsi su facebook e scambiarsi esperienze e consigli. L’incontro durerà 24 ore ed ogni ora tante Consulenti de La Leche League di varie lingue del mondo si daranno il cambio per facilitare la connessione tra migliaia di donne che stanno facendo lo stesso percorso di allattamento in tutto il mondo. Nell’arco della giornata ci saranno incontri in ben 11 lingue diverse: due ore in italiano, e poi inglese, francese, tedesco, spagnolo, olandese, ebraico, ceco, russo, cinese, giapponese. Per unirsi all’evento basta cliccare su questo link e controllare la tabella della lingua che vi interessa. https://www.facebook.com/groups/LLLIGlobalMeeting/

La Leche League

 

Eventi SAM 2016. Se siete a conoscenza di eventi non presenti nel calendario del MAMI potete segnalarli nei commenti, in modo da dare risalto alla vostra iniziativa.

Buona SAM 2016 a tutte, sperando che il prossimo anno anche Roma torni ad accogliere le mamme e i loro bambini sulla scalinata di Trinità dei Monti.

 

di Annarita Carbone