Pericolo soffocamento. Arriva la App salvabimbi.

app soffocamento

La scorsa settimana ho partecipato ad un corso di disostruzione pediatrica. Ho imparato tante cose. La più importante? Che posso realmente salvare una vita. Forse proprio quella di mio figlio. La seconda che ho imparato? Che esiste una App che ti aiuta se tuo figlio sta soffocando.

Ogni mamma dovrebbe sapere come poter salvare il proprio bambino in caso di soffocamento. Ogni papà dovrebbe essere istruito a riconoscere i segnali del soffocamento. Eppure sono pochissimi i genitori che lo sanno fare. Ci preoccupiamo di frequentare il corso preparto per imparare ad essere genitori migliori. Ci iscriviamo al corso di baby nuoto, di baby musica, di baby tutto ma siamo in grado di intervenire se il nostro bambino è in pericolo? Ogni anno circa 50 bambini muoiono per sindrome da soffocamento, a causa di incidenti che avrebbero potuto essere evitati.  Imparare pochi semplici gesti può fare la differenza.

Prevenire è meglio che curare. Non sono mai stata una mamma ansiosa. Eppure, dopo il corso,  sono tornata a casa e ho iniziato a rivoluzionare tutto. Non me ne rendevo conto. Benché fossi sempre stata una mamma attenta e precisa, la mia  casa era piena di pericoli. Tappi di penne, monete, giocattoli inadeguati che si smontano, macchinine con ruote amovibili. Perfino in cucina, quante cose ho dovuto togliere.  Uva, mandorle, nocciole. Tutte a portata di mano e tutte nemiche dei miei bambini. Se vuoi avere una casa più sicura leggi questo articolo del dottor Marco Squicciarini e impara come fare. http://www.manovredisostruzionepediatriche.com/primo-soccorso/domestico/533-sicurezza-in-casa-con-un-bambino-piccolo-ovunque-lo-si-lasci.html

Non vi dico poi l’ansia per averlo lasciato nelle mani di una persona che non è in grado di fare la manovra. Ho sempre lasciato i miei figli con nonni, zie, zii, babysitter. Solo oggi mi rendo conto di essere stata incauta. Nessuna di queste persone sarebbe in grado di intervenire se mio figlio rischiasse di soffocare.

Perché ho deciso di fare il corso.Quando Dario mangia (2 anni compiuti), devo stare sempre più che attenta. Non posso distrarmi mai, nemmeno per un secondo. E non perché getti le cose a terra o perché sporchi.  Quello non mi interessa. Il fatto è che lui è così vorace. Tende a mettere tanto cibo in bocca. Tutto in una volta sola. Alcune volte il cibo gli ostruisce le vie respiratorie e lui resta quasi senza fiato ma poi, con un colpo di tosse riesce a liberarsi. A volte è costretto a vomitare per potersi liberare. Io in quei momenti cerco di restare calma e di aiutarlo ma a volte mi rendo conto di non saper proprio cosa fare. La paura di fare la cosa sbagliata mi ha spinto a frequentare il corso.

Cosa fare e cosa non fare.Quando ci accorgiamo che nostro figlio sta soffocando, la prima cosa da fare è cercare di aiutarlo. Dobbiamo spingerlo a tossire. Nel caso in cui ciò non funzionasse dobbiamo provare a disostruirlo con la famosa manovra di Heimlich.

Se dopo due minuti non siamo riusciti a disostruirlo dobbiamo allertare immediatamente i soccorsi e chiamare il 118. Evitare assolutamente di infilare le dita in gola al bambino per cercare di rimuovere l’oggetto. Talvolta questa pratica può solo peggiorare le cose spingendo l’oggetto sempre più in profondità. Se il bambino è molto piccolo, metterlo a testa in giù, scuoterlo per i piedi dando forti pacche sulla schiena può provocare anche seri danni. Al corso mi hanno insegnato come fare la manovra corretta. Se non hai la possibilità di frequentare subito  un corso (ce ne sono di gratuiti in tutta Italia), intanto scarica la App. E’gratis.

Arriva la App che salva la vita. L’ho imparato al corso. Esiste una App che salva la vita ai bambini e che aiuta le mamme. Una App che parla 17 lingue e che nel momento del bisogno ti guida su cosa fare e dove andare. Si chiama Salvabimbi. Con un solo tocco, mentre l’adulto assiste il bambino, la App chiama il 118, localizza l’ospedale più vicino, fornisce poche semplici informazioni di base su cosa fare e su come intervenire. Grazie allo sliding delle manovre da effettuare e le spiegazioni vocali, il genitore viene messo in condizioni di procedere con la manovra. La App non solo ti aiuta ma ti insegna anche molte cose. Grazie a lei puoi imparare quali sono gli oggetti pericolosi per il tuo bambino. Puoi imparare a tagliare i cibi in maniera corretta, puoi essere una madre migliore e ridurre i rischi per tuo figlio.

Marco Squicciarini, ideatore della App, medico esperto ed istruttore di manovre di disostruzione ci ha spiegato: “L’idea della App è nata dopo la morte di Giulio, il bimbo di 3 anni morto soffocato a Bari in un noto centro commerciale il 20 agosto 2013. Giulio ha aspettato i soccorsi per troppo tempo. A poco più di un chilometro c’era un ospedale ma nessuno lo aveva detto ai genitori.  Certe cose sono inammissibili al giorno d’oggi”. Se vuoi guardare il video di presentazione della App clicca qui http://youtu.be/zCqi2-CqR9k . Per scaricare la App clicca qui https://play.google.com/store/apps/details?id=com.elis.mdp.salvabimbi&hl=it

di Annarita Carbone

 

 

Condividi