90mila mamme italiane soffrono di depressione. Al via la campagna di ONDA

depressione post partum

Depressione post-partum, un tema attuale che riguarda il 16% delle donne

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale per la Salute della donna, in Italia  sarebbero 90mila le donne colpite da depressione post partum, la metà delle quali non curata adeguatamente.

A Milano nel corso del convegno “Curare la depressione nella maternità con i farmaci: tra miti e realtà clinica”, organizzato dall’ASST Fatebenefratelli Sacco con il patrocinio di Onda, è stata rilanciata la campagna “Un sorriso per le mamme” nata nel 2010.

La campagna nasce con lo scopo di prevenire il fenomeno della depressione perinatale e prevede l’aggiornamento della rete di centri di riferimento presenti in tutta Italia preposti all’assistenza e alla cura della malattia e una campagna di informazione attraverso la pagina Facebook ‘Un sorriso per le mamme’.

Dati preoccupanti

Secondo l’osservatorio, Il 13% delle donne nel periodo della maternità manifesta  già un disturbo dell’umore durante le prime settimane successive al parto. Un dato che sale al 14,5% nei primi tre mesi postnatali con episodi depressivi maggiori o minori e al 20% nel primo anno dopo il parto.

Si tratta di stime molto approssimative, dal momento che i sintomi sono frequentemente sottovalutati sia dalle pazienti sia dai clinici e che solo in circa la metà dei casi viene riconosciuto il disturbo e fornita la risposta adeguata.

Cosa fare?

Attraverso il sito internet www.depressionepostpartum.it le future mamme e le neomamme, avranno la possibilità di cercare i nominativi e le attività dei centri di supporto per la depressione perinatale, e non solo. Potranno infatti usufruire del servizio ‘L’esperto risponde’ che permette di chiedere supporto a uno specialista.

 

di Annarita Carbone